Sostieni i nostri progetti con il tuo contributo!

SOSTIENI I NOSTRI PROGETTI CON UNA DONAZIONE

sabato 7 settembre 2013

Autoproduzione: fa paura, ma a piccoli passi si fa tutto… compreso lo yogurt!

Yogurt autoprodotto

AUTOPRODUZIONE: FA PAURA, MA A PICCOLI PASSI SI FA TUTTO… COMPRESO LO YOGURT!

Quando si parla di autoproduzione ad alcuni (soprattutto donne, ma anche gli uomini sanno e possono autoprodurre) vengono i brividi e la solita prima reazione è la risposta: “ma io lavoro, non ho tempo”.

vi dirò che questa è solo una scusa perché esistono diverse cose che si possono autoprodurre, sane e genuine, per le quali il tempo impiegato è veramente poco!

INGREDIENTI PRINCIPALI:

voglia di provarci
qualche momento sottratto a pratiche meno utili
un po' di impegno

RISULTATO: grande soddisfazione

Vi consiglio di cominciare provando a fare in casa lo yogurt, se ne siete ovviamente consumatori, oppure preparando una buona pizza che piace sempre a tutti.

Per fare lo yogurt io ho acquistato una yogurtiera: ho speso 29,00 € (cifra veramente moderata) però  si potrebbe fare anche in un vaso di vetro o dentro a un thermos per la pasta o il caffè.
Io ho usato la tecnica del vaso, avvolto da un canovaccio e posto vicino al termosifone (in inverno), così ne posso produrre di più.

Yogurtiera


L'occorrente per ottenere 7 vasetti di yogurt casalingo sono:

1 litro di latte intero (BIO, meglio ancora del distributore)
1 vasetto di yogurt da 125 gr (bianco, intero, BIO)
yogurtiera

Procedimento

Mettere in una caraffa lo yogurt bianco, versare un po' di latte e mescolarlo bene in modo che si amalgami il tutto, versare il rimanente latte.

Mescolare latte e yogurt in una ciotola
Una volta miscelati yogurt e latte, versare il liquido suddividendolo nei vasetti.

Distribuire il liquido nei vasetti
Chiudere i vasetti con i tappi e attaccare alla corrente la yogurtiera: di solito sulla macchinetta esiste un segnalino per ricordarsi l'ora di inizio della fermentazione.

Chiudere i vasetti con i tappi
Una volta accesa, la macchina manterrà (grazie a una serpentina interna) la temperatura idonea costante perché i batteri possano lavorare la miscela e trasformarla in buonissimo e per niente acido yogurt: impiega dalle 6 alle 12 ore.

Accendere la yogurtiera e attendere
Io lo preparo la sera per la mattina... una volta aperti i vasetti e verificata la consistenza desiderata, lasciare raffreddare in frigo.

Il mio yogurt cremoso autoprodotto!

Fatto!
Ci vuole più tempo a dirlo che a farlo... provateci!

Nessun commento:

Posta un commento

Post recenti